logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Contenuto

Polesine Camerini

BREVE STORIA

Parlare di Polesine Camerini come di una semplice frazione è abbastanza riduttivo; si tratta di una intera isola che, fino agli anni '50, contava, oltre all'omonimo abitato principale, anche diverse borgate di rilievo.

Lungo il Po di Tolle c'era Schiavon con la scuola, un forno e l'osteria, Busazza, Pellestrina e Forti, lungo il Po di Pila c'erano Ocaro con la scuola e l'osteria (oggi rinomato ristorante di specialità locali) e Pila di Polesine Camerini con la centrale del metano.

L'Isola di Polesine Camerini nasce all'incirca nel 1759 quando il Po di Tolle si sdoppia originando il Po di Pila e l'apporto di detriti da vita a canneti, paludi e valli da pesca. In una mappa del 1798 l'isola è divisa in quattro zone: Polesine Ocaro (Ca' Viviani), Polesine Baiocchi, Ca' Mandrini e, forse, Busazza.

Nel 1859 gli austriaci erigono due fortezze sull'estuario del Canarin e presso Forti: si voleva impedire a navi nemiche di risalire i due rami navigabili del Po, intanto, tra il 1836 e il 1878 i Camerini acquistano l'isola con l'esclusione di Pellestrina e Forti. Del 1886 è la costruzione del grande palazzo padronale, tuttora esistente, delle stalle, dei magazzini e della vasta aia.

Inizia lo sfruttamento agricolo dell'isola che chiama braccianti da altri paesi.Una grave piaga, oltre alle malattie dovute alla precarietà delle condizioni di vita, erano le alluvioni: ben 16 tra il 1879 ed il 1966. Nel 1907 i Camerini costruiscono una idrovora a vapore e scavano canali d'irrigazione: l'agricoltura, allora soprattutto come risaie, iniziò a prendere il sopravvento sulle altre attività tradizionali quali la pesca e la caccia.

Quando negli anni '50 si profilò la riforma agraria, i duchi Camerini iniziarono a vendere le terre per costruire case ma dal 1952 l'Ente Riforma inizia ad espropriare i terreni per distribuirli ai contadini. Nel 1954 il paese dispone della chiesa, completa di campanile, dell'asilo, del teatro sociale, del campo sportivo e della piazza. E' da ricordare che dopo l'ultima alluvione, nell'ambito dei lavori di ristrutturazione della piazza, era prevista l'istallazione di un monumento ma gli abitanti, visti i bozzetti, lo rifiutarono finanziando autonomamente l'attuale monumento ai caduti.

Fino a quarant'anni fa, l'isola era collegata al resto del Comune da un traghetto e da barche, nel 1957 fu aperto un ponte che però, dopo poco tempo si incrinò. Fu approntato allora un ponte provvisorio di barche e quindi fu costruito l'attuale ponte.

Nel 1973 l'ENEL iniziò la costruzione della centrale termoelettrica, l'impianto sorge sulla riva destra del Po di Pila su un'area di 205 ettari ed i cantieri fino al momento del completamento (1984), hanno offerto lavoro in abbondanza ed ancora adesso, oltre ai dipendenti, le ditte che curano la manutenzione dell'impianto impiegano diverse maestranze.

Palazzo Camerini In anni recenti Polesine Camerini ha goduto dell'esplosione del mercato delle vongole che ha integrato i redditi provenienti dall'agricoltura e dell'orticoltura in serra, settore che resta comunque dominante.
(Nella foto: Palazzo Camerini - Polesine Camerini. Grandioso palazzo padronale, risalente ai primi dell'800.
Ora di proprietà della Cosva (Coop. di sviluppo agricolo del Veneto), è bisognoso di restauro.
La grandissima aia di fronte al palazzo crea un'atmosfera metafisica. E' utilizzato come deposito e centro di smistamento di produzioni orticole.

 

 

LO STRADARIO

AREA DI CIRCOLAZIONE
AREA DI CIRCOLAZIONE
Località Case Ocaro Piazza De Gasperi Alcide
Via Basso Lelio Via Cairoli Nord
Via Cairoli Sud Via Corridoni Nord
Via Corridoni Sud Via Di Giulio Fernaldo
Via F.lli Bandiera Nord Via F.lli Bandiera Sud
Via Firenze Via Isonzo
Via Manara Luciano Via Menotti Ciro
Via Papa Giovanno XXIII Via Pallestrina


FIERE E MANIFESTAZIONI

Festa dell'Aquilone
metà del mese di GIUGNO

 

Calendario

Calendario eventi
« Maggio  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
             
Comune di Porto Tolle - Piazza Ciceruacchio, 9 - CAP 45018 - Tel: 0426 394411 - Fax: 0426 394465
P.Iva: 00201720299 - Pagina Facebook - Canale YouTUBE
E-mail: portotol@comune.portotolle.ro.it - Posta elettronica certificata (PEC): affarigenerali.comune.portotolle.ro@pecveneto.it