logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

News

Bidoni rifiuti e soldi

Guida alla tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2016


 

A decorrere dal 1 gennaio 2014, con legge 147 del 27 dicembre 2013, in sostituzione della Tares, è stata istituita la TARI, o Tassa Rifiuti, quale componente dell’imposta unica comunale IUC, a copertura dei costi del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento/recupero dei rifiuti urbani e assimilati.

 


Il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione di locali o aree scoperte operative, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Si intendono per:

a) locali, le strutture stabilmente infisse al suolo chiuse da ogni lato verso l’esterno, anche se non conformi alle disposizioni urbanistico-edilizie;

 

b) aree scoperte, sia le superfici prive di edifici o di strutture edilizie, sia gli spazi circoscritti che non costituiscono locale, come tettoie, balconi, terrazze, campeggi, dancing e cinema all’aperto, parcheggi, compresi bilancioni/cavane per la pesca ricreativa e professionale e strutture galleggianti

 

Nel caso di più proprietari o più detentori (es: coinquilini), la TARI è intestata ad uno di essi con vincolo di solidarietà tra gli occupanti o tra i proprietari. Nel caso di soggetti residenti, la TARI è intestata all’intestatario della scheda anagrafica.

 

La  TARI è disciplinata dal Regolamento approvato con delibera di Consiglio Comunale n.47 del 30.07.2014, modificato con pari atto n. 24 del 28.04.2016. 

Le tariffe TARI 2016 sono state approvate con delibera del Consiglio Comunale n. 26 del 28.04.2016.

Le tariffe TARI 2014/2015 sono state approvate con delibera del Consiglio Comunale n. 44 del 30.07.2014.

Le tariffe  TARI sono commisurate alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte, e sulla base dei criteri determinati dal regolamento di cui al DPR 27 aprile 1999 n. 158.

 

Modalità di presentazione delle dichiarazioni

Entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio del possesso o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili alla TARI, si deve presentare una dichiarazione con apposita modulistica, riportata tra gli allegati. 

Contestualmente è possibile presentare domanda di cessazione per il vecchio immobile.

Nel modulo vanno obbligatoriamente dichiarati i dati catastali dell’immobile con il numero e i dati identificativi delle persone che, pur non facendo parte del nucleo famigliare anagrafico, dimorano nella stessa unità immobiliare.

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo.

In caso in cui vi sia una variazione dei dati precedentemente dichiarati o la cessazione del possesso/detenzione occorre presentare apposita dichiarazione su modulistica predisposta dal comune entro il predetto termine previsto per la dichiarazione iniziale.

 Nel caso di fusione di 2 o più unità immobiliari, non è possibile utilizzare la dichiarazione di variazione. Occorre presentare una nuova dichiarazione in cui siano riportati i dati catastali della nuova unità e contestualmente presentare una dichiarazione di cessazione relativa agli immobili fusi/soppressi,

Per l'applicazione della TARI si considerano le superfici dichiarate o accertate ai fini dei precedenti tributi  (Tarsu o Tares) in quanto compatibili.

Le dichiarazioni, corredate da copia del documento di identità, possono essere presentate nei seguenti modi:

 

Scadenze 2016

Le scadenze per il pagamento della TARI 2016 sono le seguenti:

1^ rata o unica soluzione entro il 30 giugno (in caso di recapito tardivo dell’avviso si provvede al pagamento nei 15 giorni successivi)

2^ rata 16 settembre

3^ rata 16 novembre

 

Agevolazioni sociali

Entro il 30 settembre 2016 devono essere presentate al comune, con le stesse modalità previste per la dichiarazione, le richieste di agevolazione/esenzione (non cumulabili) per chi si trovi nelle situazioni previste nella DCC n. 27/2016 che sono le seguenti.

 

ESENZIONI:

a)      Nuclei familiari composti esclusivamente da pensionati con oltre 65 anni di età il cui indicatore ISEE relativo all’anno 2015 non superi l’importo di:

€ 7.500,00       per i nuclei composti da una sola persona

€ 8.500,00       per i nuclei composti da due o più persone

b)      Persone assistite in modo continuativo dal Comune, nel corso dell'anno 2014/2015 in quanto economicamente disagiate.

 

 

RIDUZIONI:

c)      30% sul totale della tariffa - nuclei familiari con persona/e portatrici di handicap a condizione che l'invalidità accertata sia superiore al 74% e l’indicatore ISEE relativo all’anno 2015 non superi l'importo di € 10.000,00;   

Per i nuclei familiari il cui indicatore ISEE non superi l’importo di €. 12.000,00 sono previste le seguenti riduzioni:

d)     20% sul totale della tariffa-nuclei famigliari  con 3 componenti

e)      25% sul totale della tariffa-nuclei famigliari  con 4 componenti

f)       30% sul totale della tariffa -nuclei famigliari con 5 componenti

g)      35% sul totale della tariffa -nuclei famigliari con 6 o più componenti.

 

Per eventuali informazioni o chiarimenti contattare l’Ufficio Tributi ai seguenti recapiti: tel. 0426 394440/442 – e-mail: tributi@comune.portotolle.ro.it

Allegati Notizia

Data ultimo aggiornamento: 01/07/2016
Comune di Porto Tolle - Piazza Ciceruacchio, 9 - CAP 45018 - Tel: 0426 394411 - Fax: 0426 394465
P.Iva: 00201720299 - Pagina Facebook - Canale YouTUBE
E-mail: portotol@comune.portotolle.ro.it - Posta elettronica certificata (PEC): affarigenerali.comune.portotolle.ro@pecveneto.it