logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Statuto Protezione Civile

TITOLO 1

GENERALITA'

Articolo 1 - Costituzione

E' costituito il Gruppo di volontariato denominato Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile di Porto Tolle con sede in Porto Tolle - P.zza Ciceruacchio n° 9 al quale possono aderire i cittadini, anche non residenti nel Comune che vogliono prestare la loro opera senza fini di lucro o di vantaggi personali, nell'ambito della Protezione Civile.

Il Gruppo potrà trasferire la sede nell'ambito del territorio comunale.

La durata del Gruppo è illimitata.

Articolo 2 - Statuto e norme di rinvio

Il Gruppo è disciplinato dal presente Statuto redatto nei limiti definiti dalle altre legislazioni Regionali e Statali sul Volontariato oltre che dei principi generali dell'Ordinamento Giuridico.

Lo Statuto può essere modificato con Deliberazione del Consiglio Comunale a seguito deliberazione dell'Assemblea degli aderenti.

Articolo 3 - Scopi e finalità

Il Gruppo, senza fini di lucro e con l'azione spontanea, personale e gratuita dei propri aderenti opera nel Settore Protezione Civile sul territorio Comunale per il perseguimento in via elusiva di Protezione Civile.

Al verificarsi di calamità pubbliche il Gruppo si metterà a disposizione delle Autorità competenti al fine di tutelare la vita umana, i beni, gli insediamenti e l'ambiente.

Il Gruppo non svolgerà attività diverse da quelle precedentemente indicate ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse.

TITOLO 2

ADERENTI

Articolo 4 - Aderenti al Gruppo

Sono aderenti al Gruppo coloro che hanno sottoscritto l'atto di costituzione e il presente statuto (Aderenti fondatori) e quelli che ne fanno richiesta e la cui domanda viene accolta dal Consiglio Direttivo e che svolgono attività o credono nelle finalità del Gruppo (Aderenti ordinari).

Il Consiglio Direttivo può accogliere anche l'adesione di "sostenitori" che forniscano un sostegno economico alle attività del Gruppo, nonché nominare "aderenti onorari" persone che abbiano fornito un particolare contributo alla vita del Gruppo.

Il numero degli aderenti è illimitato.

Gli aderenti hanno tutti parità di diritti e di doveri.

Gli aderenti, eventualmente organizzati in squadre, dovranno in emergenza operare alle dipendenze dei competenti organi superiori (Enti pubblici, Organi Tecnici dello Stato) ed attenersi diligentemente alle disposizioni e alle direttive impartite.

 

Articolo 5 - Criteri di ammissione ed esclusione degli aderenti:28

Nella domanda di ammissione al Consiglio Direttivo, l'aspirante aderente dichiara di accettare senza riserve lo Statuto del Gruppo.

L'ammissione al Gruppo decorre dalla data di deliberazione del Consiglio Direttivo, che deve prendere in esame la domanda di nuovi aderenti nel corso della prima riunione successiva alla data di presentazione dell'istanza, deliberandone l'iscrizione nel registro degli aderenti al Gruppo. è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

Gli aderenti cessano di appartenere all'Organizzazione:

per dimissioni volontarie;

per sopraggiunta impossibilità ad effettuare le prestazioni programmate;

per decesso;

per comportamento contrastante con gli scopi statutari;

per persistente violazione degli obblighi statutari.

La mancata ammissione o l'esclusione da parte di un aderente deve essere comunicata per iscritto dal Consiglio Direttivo, ed è concessa all'aderente entro 10 gg. la facoltà di replica all'Assemblea degli aderenti, che deve decidere sull'argomento nella prima riunione convocata. La decisione dell'Assemblea , è inappellabile.

Articolo 6- Diritti e doveri degli aderenti

Gli aderenti hanno il diritto:

• di partecipare alle Assemblee e di votare direttamente o per esplicita delega scritta;

• di conoscere i programmi con i quali il Gruppo intende attuare gli scopi sociali;

• di partecipare alle attività promosse dal Gruppo;

• di usufruire di tutti i servizi del Gruppo;

• di dare le dimissioni scritte in qualsiasi momento.

Gli aderenti hanno l'obbligo di:

• osservare le norme del presente statuto e le deliberazioni adottate dagli Organi sociali;

• svolgere le attività preventivamente concordate;

• mantenere un comportamento conforme alle finalità del Gruppo;

• tenere un comportamento professionale e improntato alla massima serietà, disponibilità e impegno;

• attenersi diligentemente alle disposizioni e alle direttive impartite dai competenti organi superiori;

• favorire l'efficacia delle azioni di protezione civile, anche attraverso il proprio atteggiamento improntato ai principi dell'auto-protezione e solidarietà;

• non svolgere, nelle vesti di volontari di protezione civile, alcuna attività, contrastante con le finalità indicate.

Le prestazioni fornite dagli aderenti sono a titolo gratuito e non possono essere retribuite neppure dal beneficiario. Agli aderenti possono essere rimborsate soltanto le spese effettivamente sostenute, secondo opportuni criteri e parametri validi per tutti gli aderenti, previa documentazione ed entro limiti prefissati dal Consiglio Direttivo e approvati dall'Assemblea dei Aderenti.

Le attività degli aderenti sono incompatibili con qualsiasi forma di lavoro subordinato e autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con il Gruppo.

Il Comune provvederà a stipulare un'assicurazione per i propri aderenti contro infortuni e malattie connessi allo svolgimento dell'attività di volontariato e per la responsabilità civile verso terzi.

TITOLO 3

RISORSE ECONOMICHE

Articolo 7 - Patrimonio - Entrate

1) Le risorse economiche del Gruppo consistono in:

· beni mobili ed immobili assegnati dal Comune o da enti pubblici o privati;

· da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;

· da eventuali erogazioni, donazioni e lasciti destinati ad incremento del patrimonio.

2) Le entrate del Gruppo sono costituite da:

· contributi liberi di privati;

· contributi dello Stato, di Enti ed Istituzioni pubbliche, finalizzati al sostegno di specifiche e documentate attività o progetti;

· contributi di Organismi internazionali;

· donazioni e lasciti testamentari non vincolati dall'incremento del patrimonio;

· rimborsi derivanti da convenzioni;

· rendite di beni mobili o immobili pervenuti al Gruppo a qualunque titolo;

· entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali;

· fondi pervenuti da raccolte pubbliche effettuate occasionalmente, anche mediante offerta di beni di modico valore;

 

· ogni altro provento, anche derivante da iniziative benefiche e sociali, non esplicitamente destinato ad incremento del patrimonio.

I fondi sono depositati presso gli Istituti di credito a cui fa riferimento il Comune.

Ogni operazione finanziaria è disposta dal Sindaco (O Presidente) quale legale rappresentante del Gruppo secondo specifica deliberazione.

Articolo 8 - Beni

I beni mobili del Gruppo possono essere acquistati dal Comune oppure possono essere concessi in comodato d'uso da aderenti o da Enti Pubblici.

Tutti i beni sono registrati nell'inventario conservato presso la sede del Gruppo.

Articolo 9 - Bilancio

Ogni anno devono essere redatti, a cura del Consiglio Direttivo, i bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre all'approvazione dell'Assemblea. I bilanci devono essere portati a conoscenza del Collegio dei Revisori dei Conti almeno 30 giorni prima della presentazione all'Assemblea, conformemente con quanto stabilito dal codice civile e dalle disposizioni vigenti in materia.

L'approvazione del bilancio da parte dell'Assemblea deve avvenire entro il mese di giugno.30

Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi, i lasciti ricevuti, le spese suddivise per capitoli e voci analitiche.

Il bilancio coincide preferibilmente con l'anno solare.

Gli utili e gli avanzi di gestione residuanti dall'attività annuale possono essere impiegati per la realizzazione delle attività stabilite dal Gruppo e di quelle ad esse direttamente connesse.

TITOLO 4

ORGANI SOCIALI

Articolo 10 - Organi Sociali dell'Organizzazione31

1) Organi Sociali dell'Organizzazione sono:

· il Presidente;

· il Coordinatore del Gruppo;

· l'Assemblea degli aderenti;

· il Consiglio Direttivo;

· il Revisore dei Conti;

Articolo 11 - Presidente

Il Presidente è il Sindaco pro tempore del Comune e resta in carica per il medesimo periodo del suo mandato, secondo le disposizioni derivanti dalle Leggi vigenti.

Il Presidente:

· ha la firma e la rappresentanza sociale e legale del Gruppo nei confronti di terzi e in giudizio;

· è autorizzato ad eseguire incassi e accettare donazioni di ogni natura e di qualsiasi tipo da Pubbliche amministrazioni, Enti, Istituzioni e da privati, rilasciandone liberatorie quietanze;

· in caso di necessità e di urgenza, assume i provvedimenti di competenza del Consiglio Direttivo, sottoponendoli a ratifica nella prima riunione successiva.

In caso di assenza, di impedimento o di cessazione, le relative funzioni sono svolte dal Vice Presidente, che convoca il Consiglio Direttivo per l'approvazione della relativa delibera di conferimento incarico.

Di fronte agli aderenti, a terzi, a tutti i pubblici uffici, il Vice Presidente o il Coordinatore è delegato alla firma degli atti del Presidente assente per impedimento o cessazione.

Articolo 12 - Coordinatore del Gruppo

Il Coordinatore è il Responsabile Operativo eletto dall'Assemblea degli Aderenti e nominato con Decreto dal Sindaco pro tempore con il compito di coordinare il gruppo di aderenti.

Articolo 13 - Assemblea degli aderenti

L'Assemblea ordinaria o straordinaria è costituita da tutti gli aderenti al Gruppo. Ogni aderente potrà farsi rappresentare da un altro aderente con delega scritta.

L'Assemblea è convocata dal Consiglio Direttivo ed è di regola presieduta dal Presidente o dal Coordinatore.

La convocazione è fatta in via ordinaria, per iscritto, almeno una volta all'anno e comunque ogni qualvolta si renda necessario per le esigenze del Gruppo.

L'Assemblea ordinaria viene convocata per:

· l'approvazione del programma e del bilancio di previsione per l'anno successivo;

· l'approvazione della relazione di attività e del rendiconto economico (bilancio consuntivo) dell'anno

precedente;

· l'esame delle questioni sollevate dai richiedenti o proposte dal Consiglio Direttivo;

· eleggere i componenti del Consiglio Direttivo e il Revisore dei Conti;

· eleggere i componenti del Collegio dei Revisori dei Conti (se previsto) o il Revisore dei Conti;

· approvare gli indirizzi e il programma del Consiglio Direttivo;

· ratificare i provvedimenti di competenza dell'Assemblea adottati dal Consiglio Direttivo per motivi di urgenza;

· fissare l'ammontare del contributo per l'esercizio annuale o altri contributi a carico degli aderenti quale forma di partecipazione alla vita del Gruppo, senza per questo instaurare un rapporto di partecipazione patrimoniale.

Di ogni assemblea deve essere redatto il verbale da inserire nel registro delle Assemblee degli Aderenti.

Le decisioni dell'Assemblea sono impegnative per tutti gli aderenti.

L'avviso di convocazione è inviato per scritto, agli aderenti almeno 5 giorni prima della data stabilita; è anche reso pubblico nella sede sociale e deve contenere l'ordine del giorno.

 

In prima convocazione, l'Assemblea ordinaria è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno degli aderenti presenti in proprio o con esplicita delega scritta. In seconda convocazione, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli aderenti in proprio o con esplicita delega scritta. La seconda convocazione può aver luogo nello stesso giorno della prima. Le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria sono adottate a maggioranza semplice dei presenti.

Per le deliberazioni riguardanti le modifiche dello Statuto, lo scioglimento e la liquidazione del Gruppo, sono richieste le maggioranze indicate al successivo art.18.

Articolo 14 - Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è eletto dall'Assemblea degli Aderenti. Il numero dei componenti deve essere espressamente indicato nella misura di 6 unità. Resta in carica 3 anni e i suoi componenti possono essere rieletti. Ne prendono parte anche il Presidente ed il Coordinatore del Gruppo.

Il Consiglio Direttivo si riunisce, su convocazione del Presidente almeno una volta ogni 3 mesi e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei componenti. Alle riunioni possono essere invitati a partecipare esperti esterni e rappresentanti di eventuali sezioni interne di lavoro, con voto consultivo.

Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando è presente la maggioranza dei suoi componenti eletti.

Di ogni riunione deve essere redatto il verbale da iscrivere nel registro delle riunioni del Consiglio Direttivo.

Compete al Consiglio Direttivo:

· compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione;

· fissare le norme per il funzionamento del Gruppo;

· sottoporre all'approvazione dell'Assemblea degli Aderenti il bilancio preventivo;

· determinare il programma di lavoro in base alle linee di indirizzo contenute nel programma generale approvato dall'Assemblea degli Aderenti, promovendo e coordinando l'attività e autorizzando la spesa;

· nominare il Segretario (eventualmente il Tesoriere e/o il Segretario/Tesoriere), che può essere scelto anche tra le persone non componenti il Consiglio Direttivo, oppure anche tra i non aderenti;

· deliberare in merito all'esclusione degli aderenti;

· ratificare, nella prima seduta successiva, i provvedimenti di competenza del Consiglio, adottati dal Presidente per motivi di necessità ed urgenza.

Articolo 15 - Collegio dei Revisori dei Conti

L'Assemblea può eleggere un Collegio dei Revisori dei Conti, costituito da 3 componenti effettivi e da 2 supplenti, scelti anche tra i non aderenti e, quando la legge lo impone, tra gli iscritti al Registro dei Revisori Contabili.

Il Collegio dei Revisori dei Conti:

· elegge tra i suoi componenti il Presidente;

· esercita i poteri e le funzioni previste dalle leggi vigenti per i revisori dei conti;

· agisce di propria iniziativa, su richiesta di uno degli organi sociali oppure su segnalazione di un aderente;

· può partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo;

· con relazione scritta, riferisce annualmente all'Assemblea la situazione amministrativa e contabile del Gruppo e provvede alla relativa trascrizione nell'apposito registro dei Revisori dei Conti.

Articolo 16 - il Collegio dei Garanti

L'Assemblea può eleggere un Collegio dei Garanti costituito da 3 componenti effettivi e da 2 supplenti scelti anche tra i non aderenti.

Il Collegio dei Garanti ha il compito di esaminare le controversie tra gli aderenti, tra questi e il Gruppo o i suoi organi, tra i membri degli organi e tra gli organi stessi; giudica ex bono et equo senza formalità di procedure e il suo lodo è inappellabile.

Articolo 17 - Gratuità delle cariche

Le cariche sociali sono gratuite, fatto salvo il diritto al rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate, nell'interesse dell'Organizzazione. Esse hanno la durata di anni 3 e possono essere riconfermate.

Comune di Porto Tolle - Piazza Ciceruacchio, 9 - CAP 45018 - Tel: 0426 394411 - Fax: 0426 394465
P.Iva: 00201720299 - Pagina Facebook - Canale YouTUBE
E-mail: portotol@comune.portotolle.ro.it - Posta elettronica certificata (PEC): affarigenerali.comune.portotolle.ro@pecveneto.it